5 Punti importanti delle storia dell’economia Italiana

 In Economia&Politica
Anche se la crisi dell’Eurozona ha lasciato molti paesi europei che lottano nella sua scia, l’Italia ha subito uno dei  più paralizzanti punti alla sua economia. Come osserva Gianni Toniolo nel suo volume, edito da,The Oxford Handbook, l’economia italiana dopo l’unificazione, tra 2007-2009, c’è stata una “perdita di oltre 5 punti percentuali del PIL per persona, un calo paragonabile a quello della Grande depressione italiana dei primi anni 1930. “Ma ci sono troppi preconcetti circa sia la storia dell’economia italiana e lo Stato che è oggi.

 

( 1 ) L’Italia è in debito per la maggior parte della sua storia economica .

“La storia d’Italia dopo l’unificazione del paese nel 1861 è caratterizzata da alti livelli di debito pubblico. Anche escludendo gli anni eccezionali tra l’inizio della prima guerra mondiale e la fine della seconda guerra mondiale , il debito nominale è superiore al PIL per lunghi periodi. Il rapporto debito -PIL è stato superiore al 100 per cento in 63 anni ( 42 per cento del tempo ); ha superato il 60 per cento in 111 anni ( quasi il 75 per cento del tempo ) . Periodi con basso debito ( ad esempio , meno del 35 per cento del PIL) sono l’eccezione e sono concentrati in venti anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, quando l’Italia conobbe il suo ‘ miracolo economico ‘ “.

– Fabrizio Balassone , Maura Francese e Angelo Pace , ” Debito Pubblico e la crescita economica : Italia primi 150 anni ”

 

( 2 ) Nord Italia rappresenta oltre il 90 % delle esportazioni italiane .

” La localizzazione delle attività economiche all’interno di un paese è determinata da tre grandi fattori: ( 1) la posizione di vantaggi naturali, come depositi di minerali , il clima , o di fornitura di acqua;

( 2 ) l’accesso al mercato interno, il che significa quanto bene sia collocato in una posizione capace  di soddisfare la domanda del mercato nazionale e anche per ottenere input da lavoro, capitale , e mercati dei beni intermedi ; e

( 3) l’accesso al mercato estero, catturando l’accesso al commercio internazionale … sfortuna in Italia è che ciascuno, nel periodo in cui era più importante , ha favorito il Nord … Di conseguenza , il Sud d’Italia rappresenta oggi meno del 10 per cento delle esportazioni italiane. L’eredità è che la mancanza di visibilità internazionale indebolisce la pressione concorrenziale per aggiornare le istituzioni e la pratica nel mondo degli affari e in un ambiente socio-economico più ampio. Si tratta di un circolo vizioso la cui rottura ci sembra poco probabile ” .
– Brian A’Hearn e Anthony J. Venables , ” Le disparità regionali : Geografia interno e il commercio estero ”

 

( 3) Nonostante il massiccio flusso di migranti nel paese, vi è ” poca evidenza di un effetto negativo sui salari e prospettive di disoccupazione dei lavoratori nativi.”

” Flussi ingenti di immigrati invariabilmente generano timori circa il loro impatto sull’economia locali. Questi timori , ampiamente rappresentati in stampa e in studi economici, spesso si concentrano su l’impatto degli immigrati sulla disoccupazione, sui salari , e sulla posizione di bilancio di lungo periodo del paese ospitante … [ tuttavia ] la ricerca sull’impatto nel mercato del lavoro dell’immigrazione trova poche prove di un effetto negativo sui salari e sulle prospettive di disoccupazione dei lavoratori italiani. Gavosto, Venturini e Villosio ( 1999) hanno trovato che l’immigrazione ha influito positivamente sui salari dei lavoratori non qualificati nativa , mentre Venturini e Villosio (2002 , 2006) hanno rilevato che la quota di immigrati non ha avuto alcun effetto sul passaggio dalla occupazione alla disoccupazione per i lavoratori nativi e che l’immigrazione ha avuto un effetto positivo sui salari . ”
– Matteo Gomellini e Cormac Ó Grada , ” Migrations”

 

( 4) le aziende italiane stanno lottando per tenere il passo con i nuovi sviluppi tecnologici.

“… Per una parte significativa della seconda metà del XX secolo , la capacità innovativa delle imprese italiane sembra essere basata più sull’adozione creativa delle tecnologie straniere e lo sviluppo sistematico dell’apprendimento localizzato piuttosto che sulla ricerca formale ( Antonelli e Barbiellini Amidei 2011) … nell’era della nuova globalizzazione degli investimenti in attività innovative formalizzato locale è diventato vitale per acquisire e integrare con le fonti estere la conoscenza tecnologica , e la capacità calante di beneficiare di flussi di conoscenza internazionali, ha un ruolo critico nell’ultima decade d’innovazione( poco efficiente degli ultimi decenni ” ) italiana. Inoltre, la nuova direzione del cambiamento tecnologico, basato sulla tecnologia digitale, favorendo l’ uso intensivo di capitale umano altamente istruito ( relativamente scarso in Italia ),  potrebbe aver avuto un ruolo negli ultimi decenni di decadimento innovativo, smorzando la capacità di assorbimento delle imprese italiane e di rallentando i loro processi di adozione creativa “.
– Federico Barbiellini Amidei , John Cantwell , e Anna Spadavecchia , “Innovazione e Tecnologia Straniera ”

 

( 5) Ci vorranno anni prima che le riforme dell’ istruzione  del paese incidono direttamente sulla produttività e la crescita economica.

” … E ‘incoraggiante che il miglioramento più veloce in anni medi di scolarizzazione della popolazione che abbia mai raggiunto l’Italia arrivò nel primo decennio del ventunesimo secolo : da 8,3 a 2001-10,8 nel 2010, pari ad un incremento del 2,9 per cento anno ( 3,6 per cento nel Mezzogiorno ) , rispetto al 1,7 per cento negli ultimi 30 anni . Più importante ancora , la quota di popolazione di età 25-64 che ha completato l’istruzione universitaria è passata dal 9,4 per cento nel 2000 al 14,5 per cento nel 2009 … In quest’area enorme il progresso è stato fatto nel primo decennio del ventunesimo primo secolo, nonostante la bassa crescita del PIL.

Dato il basso livello di partenza, però, ci vorranno diversi anni perché  il rapporto tra laureati nella popolazione in età lavorativa possa avvicinarsi alla media OCSE ( Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo ) e avere così un impatto sulla crescita”.
– Gianni Toniolo , ” Una panoramica della crescita economica in Italia “

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment

0

Start typing and press Enter to search

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti per ricevere gratuitamente le ultime news e aggiornamenti in materia fiscale da parte del nostro team.

You have Successfully Subscribed!